Print

"Visto militare" per visitare il nord dello Sri Lanka

Written by GiovaniTamil. Posted in News_TE

Il Ministero degli Esteri dello Sri Lanka comunica che per chi ha un passaporto straniero è necessario ottenere un visto che viene rilasciato dall'esercito, per visitare i 5 distretti a nord dell'isola. I 5 distretti sottoposti al "visto militare" sono: Jaffna, Kilinochchi, Mullaitthevu, Mannar e Vavuniya. Tutti e cinque i distretti sono Tamil.



La nuova procedura, indicata sul sito della Ministero della Difesa, viene messa in vigore in un clima dove le sparizioni forzate ed i casi di arresti stanno aumentando. Sono stati segnalati episodi di rapimenti con il furgoncino bianco (White van abduction), tristemente famosi per gli omicidi e sparizioni durante gli anni di guerra, ma anche per gli arresti di Tamil all'arrivo all'aereoporto di Colombo.

Nonostante la guerra sia finita da quasi sette anni, la militarizzazione della zona e l'oppressione da parte del Governo dello Sri Lanka nei confronti della nazione Tamil continuano incessantemente.
 
risorse: http://tamilnet.com/art.html?catid=13&artid=38230
Print

Bambino di 6 anni brutalmente violentato ed ucciso nelle vicinanze del campo della marina militare a Champoor [immagini allegate]

Written by GiovaniTamil. Posted in News_TE

Il corpo di un bambino, la cui scomparsa era stata denunciata lunedì pomeriggio, è stato recuperato in un pozzo abbandonato vicino al campo "Vidura" della marina militare dello Sri Lanka. Il corpo presenta chiare tracce di abusi sessuali ed omicidio. Testimoni oculari hanno dichiarato che il corpo era stato legato ad una pietra con lacci di scarponi militari. 

Print

I prigionieri politici sono sottoposti ad errori giudiziari

Written by GiovaniTamil. Posted in News_TE

Gli amici e i parenti dei prigionieri Tamil di guerra ed i prigionieri politici hanno manifestato mercoledì mattina presso la stazione degli autobus di Jaffna per esprimere la loro solidarietà nei confronti  dello sciopero della fame indetto dai detenuti politici del carcere "New Magazine" di Colombo.
Print

"L'esercito al nord getta le fondamenta per la violenza" il ministro Tamil alla festa del Pongal

Written by GiovaniTamil. Posted in News_TE

 
Il pongal, la festa del raccolto, è un evento molto importante per la popolazione Tamil, che segna l'inizio del nuovo anno del calendario tradizionale. All'evento organizzato in Jaffna dal Governo dello Sri Lanka, il ministro della provincia settentrionale Wigneswaran ha denunciato l'occupazione militare in corso, e lo stato di oppressione che i Tamil stanno vivendo nella loro terra a causa del Governo dello Sri Lanka. 
La presenza militare in corso e l'occupazione della provincia settentrionale da sei anni dopo la fine del conflitto armato pone le basi per la violenza, ha detto il primo ministro della provincia settentrionale.
"Il fatto che circa 150000 uomini armati appartenenti ad un esercito di occupazione nella provincia settentrionale da sei lunghi anni dopo la fine della guerra pone necessariamente le fondamenta per la violenza", ha aggiunto Wigneswaran.
"[I militari] hanno preso le nostre terre, i nostri mezzi di sussistenza, le nostre imprese, le nostre risorse e sono una minaccia per il benessere delle nostre vedove di guerra e di molti altri."
Print

L'ONU conferma l'esistenza di campi di tortura in Sri Lanka

Written by GiovaniTamil. Posted in News_TE

Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate o involontarie (UNWGEID) ha annunciato di aver scoperto un "centro di detenzione e tortura segreto" che si trova nello Sri Lanka ed ha invitato il governo a rivelare l'esistenza di altri eventuali centri segreti.


Nella conferenza stampa del gruppo di lavoro che ha visitato l'isola negli scorsi giorni, il membro dell'UNWEIGD Ariel Dulitzky ha detto che il centro è probabilmente utilizzato dal 2010, in base alle date scarabocchiate con il sangue sulle pareti. Inoltre Dulitzky ha sottolineato che l'impunità per queste sparizioni ha provocato ferite profonde tra le comunità colpite nell'isola. 
"Siamo convinti che questa è solo la punta di un iceberg, considerando le numerose sparizioni documentate da molte commissioni. Consideriamo molto allarmante che in quasi tutti i casi vi è stata totale impunità. E questo deve fermarsi ora."