Monaci buddhisti attaccano incontro delle famiglie Tamil

on .

Le ambasciate di Francia, Germania, Gran Bretagna e Svizzera hanno condannato fermamente l'interruzione violenta da parte di un gruppo di monaci buddhisti dell'incontro sul tema "Sessione di condivisione ed ascolto delle famiglie degli scomparsi".
L'incontro era stato organizzato ieri al Centro di Società e Religione di Colombo dalle famiglie Tamil i cui cari sono scomparsi nella fase finale del conflitto dopo essersi consegnati alle forze armate del governo dello Sri Lanka.



Attivisti e giornalisti, hanno riportato via Twitter, che i monaci buddhisti che hanno attaccato la sede dell'incontro hanno minacciato ai parenti degli scomparsi. Membri della Società Civile, di Ong e funzionari diplomatici, che parteciparono all'incontro, furono testimoni del violento attacco razzista.
 


Oggi le quattro ambasciate hanno rilasciato stamane una dichiarazione congiunta. A seguire riportiamo alcune frasi:

"Nel momento in cui l'incontro è stato interrotto erano presenti più di 30 famigliari delle persone scomparse  provenienti dalla provincia del nord, membri della Società Civile e delle ONG e membri della comunità diplomatica. Tutti i presenti hanno sentito la propria sicurezza essere minacciata"

"Esortiamo il governo a garantire e rispettare la libertà di riunione e di espressione in Sri Lanka. Ci auguriamo vivamente che la sicurezza di coloro che sono venuti dalla provincia settentrionale per condividere la loro esperienza sarà garantita al loro ritorno".


Fonti:

http://www.tamilguardian.com/article.asp?articleid=11726

http://www.dailymirror.lk/index.php?option=com_content&task=view&id=50650&Itemid=425&utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter